Il mio secondo mandato

Oggi mi è arrivata la notifica, sarò Consigliere Comunale per altri 5 anni. Ripropongo sul blog i concetti espressi a caldo sul social network perchè ancora attuali.

Si fa presto a passare per ipocriti ma è un rischio che in questo caso corro volentieri. Non so se essere più contento per il mio risultato o più dispiaciuto per chi, pur avendo capacità e competenze (assieme alla mia assoluta stima), è rimasto fuori. Ma il verdetto del voto è una regola democratica che va accettata ancora prima di mettersi in gioco. Nelle amministrative ci si mette la faccia, se ci pensate è una cosa non da poco, soprattutto in questo momento storico. Per quanto mi riguarda, riportando il discorso sul personale, devo dire che un risultato così importante, concedetemi questa presunzione, voglio ritenerlo un premio all’onestà, alla serietà, alla correttezza con le quali ho sempre tentato di connotarmi. In buona sostanza quindi una vittoria di tutti. Assieme a coloro che mi hanno dato fiducia col loro voto ci sono state tante altre persone che si sono anche spese per me in modo disinteressato chiedendo a loro volta ad altre persone, che magari non mi conoscono nemmeno, di sostenermi. È qualcosa che si fa solo se si è intimamente convinti che ne valga la pena. Lo ritengo il piú bel regalo, il miglior complimento che si possa ricevere perché sono le cose che aiutano a vivere meglio in quanto ti fanno sentire un uomo degno di rispetto e con dei valori riconosciuti. Non c’è nessun dato numerico che possa lontanamente avvicinare soddisfazioni morali come queste. Un’altra cosa che avvalora ed impreziosisce questo mio piccolo successo politico è che il dato geografico del mio voto è sparso su tutto il territorio comunale, praticamente ho avuto voti in quasi tutti i seggi del Comune.

FacebookTwitterGoogle+Google GmailCopy Link