Bilancio di mandato Legislatura 2009/2014

Inizio con dei numeri: al 28 Febbraio 2014 risulto essere stato presente a ben 127 Consigli Comunali e 169 Commissioni Consiliari. A questi numeri andrebbero aggiunte le innumerevoli riunioni di gruppo PD e gli incontri di maggioranza perché propedeutici alla preparazione dei Consigli e delle Commissioni ma non essendo incontri “ufficiali”, pur rappresentando un impegno importante, non vanno citati. Con grande orgoglio personale vorrei anche rivendicare un “atteggiamento” che reputo possa essere un utile metodo di valutazione delle persone soprattutto se confrontato con altri “atteggiamenti”. Sono del parere infatti che chiedere il voto ai cittadini sia un vincolo morale che a priori debba almeno garantire la presenza fisica dei consiglieri ed inoltre che questa presenza sia di qualità. Fortunatamente la salute mi ha dato una mano ed in cinque anni non sono mai mancato a nessuna convocazione arrivando sempre in orario e rimanendo sino alla fine dei lavori. L’unica eccezione è stata per cause di forza maggiore in quanto, a causa del terremoto, il mio lavoro di Vigile del Fuoco mi ha obbligato a seguire in maniera ininterrotta nei mesi di maggio e giugno 2012 i cittadini della nostra Provincia colpiti dalla calamità. A queste presenze sono corrisposti dei gettoni la cui somma lorda è consultabile sul sito del Comune http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=3248. E’ bene venga verificato anche questo dato perché molto superficialmente gli amministratori locali, in maniera populistica, vengono ingiustamente considerati facenti parte della cosiddetta “casta” quando in realtà non c’è niente di più falso. Archiviato il mero dato statistico va ovviamente dato un riscontro politico a queste presenze. Ebbene, anche in questo caso con motivato orgoglio, affermo che aver fatto parte di questa legislatura e di aver sostenuto con la mia presenza il bravissimo Sindaco Tiziano Tagliani e la sua Giunta è stato un grande onore ed una bellissima esperienza. Cito brevemente solo alcune tra le cose più importanti che siamo riusciti a realizzare in un momento in cui la crisi economica ha colpito le Amministrazioni Locali come mai era successo prima. A partire dalla riduzione del debito pubblico di circa un terzo (da 160 mln a 110 circa) per passare all’apertura dell’Ospedale di Cona che pareva una cosa ormai impossibile vista l’ostilità che si era creata. Ora finalmente abbiamo un presidio sanitario di valenza regionale che ha aumentato enormemente la qualità dell’offerta per i cittadini di Ferrara costretti per troppo tempo ad avvalersi di una vecchia struttura obsoleta, sacrificata negli spazi e negli accessi e non più al passo con i tempi (quante bugie su questo argomento da parte dei detrattori). Grazie a Tagliani sono stati ripresi i lavori della tangenziale Ovest fermi da più di un decennio, sono stati sbloccati i ricorsi sui lavori del ponte sul Burana che ora è già funzionale e fondamentale per lo snellimento del traffico urbano, con un piano particolareggiato verrà chiuso l’annoso problema del palazzo degli specchi, si è riqualificato il centro storico in Corso Martiri e via Cortevecchia con la pavimentazione della piazza che ora è bellissima e si sta proseguendo con il rifacimento del Listone e dei lavori della galleria Matteotti pur se privata. Si è continuato a salvaguardare le mura ed il parco urbano, patrimonio che nessuna altra città al mondo così belle, è finito il primo stralcio del Museo del MEIS, una struttura museale che sarà un punto di riferimento a livello internazionale e porrà Ferrara al centro dell’attenzione mondiale su questo importante tema. Abbiamo approvato innumerevoli regolamenti fondamentali per il futuro della città come il Regolamento Urbano Edilizio, il Piano Operativo Comunale ma anche altri in diversi settori come quello sportivo, quello del verde, di polizia, somministrazione bevande, ecc.. Si è puntato molto sulla messa in sicurezza degli edifici scolastici e l’apertura di nuove scuole (impegno notevole anche in termini economici), passando anche sulla gestione del terremoto e dell’incommensurabile patrimonio artistico/monumentale di Ferrara. La cultura sempre al centro dell’attenzione con organizzazione di mostre in grado di dare lustro all’intera città. Infine, ma non certo ultimo in ordine d’importanza, tutt’altro, il mondo del lavoro e la presenza costante del Sindaco in persona su tante crisi aziendali che ha permesso l’insediamento a Ferrara di aziende come Softer o General Cavi (crisi Nylco/P.Group), A.M.P. Recycling del Gruppo ILPA, i nuovi insediamenti industriali e commerciali di Berluti e Bricoman, l’investimento da 180 mln di Euro di Versalis (gruppo ENI) per un altro impianto produttivo e di ricerca presentato proprio in questi giorni ed in dirittura di arrivo. Per chiudere, nel mio piccolo, ho cercato di dare un modesto contributo nei settori dove ho più competenze e più di mio interesse come lo sport, la salute, la sicurezza, il lavoro e l’ambiente. Il resoconto si può trovare sul sito del comune http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=1658.

FacebookTwitterGoogle+Google GmailCopy Link