I codardi del nuovo millennio

C’è un unico filo conduttore nelle macroscopiche incoerenze delle loro parole, delle loro azioni, della loro politica: la codardia. “Non ce l’ho con gli ebrei, non ce l’abbiamo con le persone di colore, non ce l’ho con i meridionali, non ce l’abbiamo con.. io non sono razzista”. Praticano l’intolleranza come credo quotidiano, e le loro azioni ed i loro silenzi sono prove schiaccianti, sempre invocando la Madonna s’intende. Se li si potesse sentire quando sono nel loro “branco” farebbero impallidire Gesù Cristo sulla croce ma appena parlano in pubblico si trasformano in pavidi codardi per abbindolare gli allocchi. Abbiate il coraggio di parlare liberamente, l’intolleranza a tutti i livelli è stata sdoganata, mostratevi per quello che siete, mettete in piazza il vostro razzismo, la vostra disumanità senza remore. Usate pure i vostri termini, chiamateli giudei, negri, terroni, …. senza paura, siete la maggioranza del paese, non rischiate nulla, ora. È giusto che sappiate però che sarà la storia a giudicarvi nuovamente e non sarà un giudizio leggero, non sarà una bella eredità quella che lascerete ai vostri figli, ai vostri nipoti. Credetemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.