Onorare il coraggio dei nostri nonni e dei nostri genitori è un dovere morale

La Festa della Liberazione, una festa che per tanta gente rappresenta ancora in modo inalterato tutti quei valori che hanno dato origine alla nostra bellissima Costituzione; praticamente tutti i padri costituenti erano identificabili proprio in quel 25 Aprile 1945. Il mio Venticinque Aprile è collegato principalmente a ciò che mi è stato raccontato dai miei genitori e dai i miei nonni. Sono diversi i racconti di quei giorni narrati ed ascoltati più volte. Ad ogni nuova descrizione spunta però qualche nuovo apparentemente piccolo particolare, magari uscito per una ennesima mia curiosa domanda, particolari che, ancora oggi, mantengono vivi l’attenzione ed il pathos di quelle eroiche storie di donne e di uomini. Da quelle parole e dalle loro storie col tempo mi appare sempre più chiaro di come le loro generazioni siano riuscite a conquistare questo benessere che per molti non è prettamente economico ma, seppure messo a dura prova, principalmente culturale, etico e morale. Storie non a caso nate in questa bella città ed in questa fantastica regione che quella storia l’hanno vissuta da grandi protagoniste. Racconti che dovrebbero essere patrimonio anche delle nuove e future generazioni ma che purtroppo sono destinati a cadere nell’oblio.

FacebookTwitterGoogle+Google GmailCopy Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.